Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online

Radiotaxisalerno.it

Newsletters
Sei qui: Home Alento Monte Stella

Alento Monte Stella

Torre San Mauro Cilento

Info


ALENTO MONTE STELLA

La Comunità Montana Alento Montestella comprende la zona del Cilento confinante a nord con gli Albumi e a est con la Comunità Montana del Bussento. La Comunità prende il nome dal Monte Stella (m. 1131) e dal fiume Alento. La peculiarità di questo territorio è sicuramente quella di fondere aspetti geologici e paesaggi apparentemente contrastanti in una felice unione tra montagne che degradano dolcemente in colline di olivi e il mare cristallino, protagonista di mille leggende del luogo, che bagna la costa a tratti sabbiosa e a tratti rocciosa. L'aspetto territoriale, già di per sé interessante da un punto di vista naturalistico (tant'è che il Parco del Cilento è stato dichiarato patrimonio mondiale dell'UNESCO) è fondamentale anche per la sua economia. Difatti una delle risorse economiche di questa zona è l'agricoltura, prevalentemente incentrata sulla coltivazione dell'olivo e della sua lavorazione. Le colline boscose, oltre a fornire legno per un buon artigianale locale, sono di utilizzo a una discreta pastorizia. Anche il mare occupa naturalmente un posto di primo piano nell'attività del luogo. La pesca è ancora oggi una primaria fonte di reddito per numerosi borghi che sorgono lungo la costa. Negli ultimi anni, grazie agli investimenti che per fortuna hanno finora salvaguardato i bei paesaggi, anche il turismo è stato incrementato, soprattutto per quel che riguarda il settore agrituristico che trova naturalmente località ideali dove accogliere i turisti amanti della natura. Alle radici di tante bellezze e delle potenzialità di questo territorio vi è comunque un vissuto storico molto intenso, fatto di guerre, battaglie intestine, regni succeduti a altri regni e testimonianze religiose molto importanti che hanno arricchito la popolazione non solo di una fiera tradizione ma anche di un bagaglio antropologico culturale da salvaguardare e custodire gelosamente. La Comunità Alento Montestella è quasi completamente inserita nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.


Da vedere:

Festa della Montagna a Laurino in località Vesalo nel cuore del Cilento

Un originale Ferragosto nel rifugio montano nei pressi della Grava di Vesalo. L’idea dei giovani soci della Cooperativa “Oasi del Cilento” di Laurino è tanto semplice quanto geniale. Servirsi del rifugio della forestale, ubicato a circa 1.100 metri di altezza  sul monte Pruno (massiccio del Monte Cervati), nel cuore del Parco Nazionale del Cilento, per organizzare la “Festa della Montagna”, una kermesse con pranzi e cene a base di grigliate di carne  e prodotti tipici locali che va avanti per l’intero periodo estivo, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’ambiente ed il territorio, favorire la vendita di prodotti tipici locali e creare un turismo alternativo.
La Società Cooperativa, attualmente presieduta dal 42enne Angelo Petraglia, è nata nel 1997 per unire gli sforzi dei singoli soggetti che, fino a quel momento, avevano organizzato eventi e manifestazioni, sul comprensorio dei monti cilentani, senza coordinamento ed in assenza di unità d’intenti.
In località Vesalo, famosa per la presenza in loco della omonima grava, un inghiottitoio del torrente Milenzio che sprofonda fino a 500 metri nel sottosuolo, creando un’atmosfera magica tra cascate e laghetti sotterranei, paradiso per gli speleologi, è stata attrezzata un’area picnic che può ospitare, ai tavoli  di legno  sparsi qua e la al fresco della rigogliosa vegetazione, fino a 500 persone.
Poco più in alto, la casa, rifugio della forestale, è stata parzialmente ristrutturata e lo spazio circostante attrezzato a mo di ristorante all’aperto, nel bel mezzo di un bosco di faggi che consente, anche nelle ore più calde della giornata, di godere di un fresco ristoro, con servizio ai tavoli  da parte di un gruppo di giovani di Laurino ed altri comuni limitrofi, coordinati dal 35enne Carmine D’Angelo.
In occasione del ferragosto appena trascorso, alcune centinaia di persone, che avevano prenotato per tempo, hanno potuto mangiare i tipici fusilli o cavatielli cilentani, preceduti da affettati misti e seguiti da  una succulenta grigliata di carne , il tutto innaffiato da un ottimo vino di produzione locale. Una simpatica 15enne salernitana, Annamaria Fasano, ha festeggiato, nell’occasione, il suo 15esimo compleanno, circondata dall’affetto di familiari ed amici .
Dopo pranzo, un manipolo di escursionisti ferragostani, con l’intento di smaltire le calorie in eccesso, è stato accompagnato da uno dei soci della Cooperativa, Renato Petraglia, nella visita guidata alle bellezze paesaggistiche e naturalistiche della zona. E’ iniziata, così, la passeggiata tra la faggeta e le spianate di alta montagna, costeggiando il torrente Milenzio, fino ad arrivare nella Grava di Vesalo, dove la natura ha realizzato un autentico capolavoro che trasmette emozioni ed ammirazione.
Lungo il tragitto, gli escursionisti hanno potuto dissetarsi presso diverse fontane di fresca acqua sorgiva, sparse tra i prati, utilizzate soprattutto dai pastori per abbeverare i bovini dei numerosi allevamenti del posto. In un pianoro, ricoperto da un rigoglioso prato verde, l’attenzione degli escursionisti è stata attirata da un gruppo di giovani che stavano pasteggiando su un tavolo piuttosto originale, ricavato dal carro di un trattore agricolo. I giovani, originari di Vallo della Lucania e di Valle dell’Angelo, hanno invitato gli incuriositi turisti a sedersi con loro a tavola per sorseggiare qualche buon bicchiere di vino, raccontando l’avventuroso viaggio da Vallo della Lucania, a bordo del trattore, per raggiungere la località prescelta per la giornata di ferragosto e scegliersi il posto più bello per il pranzo.
La località Vesalo, raggiungibile da Laurino tramite la Strada Provinciale 371, è già apprezzata da molti turisti che ogni anno, nella bella stagione, vi si recano per rinfrescarsi tra i boschi, godere dell’aria pura e della natura incontaminata dell’alta montagna che, in alcuni scorci del massiccio montuoso del Cervati, non ha niente da invidiare alle più rinomate località turistiche alpine.
In futuro i soci della Cooperativa hanno in programma nuove iniziative, tra cui la ristrutturazione di tre camere del rifugio, per poter offrire ai turisti la possibilità di pernottare in questo angolo di paradiso, nonché di un casolare, ubicato a poca distanza, da utilizzare quale museo botanico con informazioni ed illustrazioni di oltre 40 specie di piante autoctone. Intanto, tutte le persone interessate possono contattare la Cooperativa “Oasi del Cilento” di Laurino per informarsi sulle prossime iniziative e prenotare un pranzo o una cena in alta montagna ai seguenti recapiti: Tel. 0974.941405 / 0974.941701 – Cell. 347.5190940 / 347.8810791 – www.reancostruzioni.it.


Agropoli - Il castello di Agropoli

Pittoresca è la posizione del castello di Agropoli, su un colle che da un lato scende a picco sul mare e dagli altri domina sulla pianura in vista di Pesto a settentrione e collegato a mezzogiorno al promontorio di Licos.

Agropoli - Tresino

Sito di interesse storico

Agropoli - Madonna del Carmine

Sito di interesse storico

Agropoli - Contrada Vecchia

Sito di interesse storico

Agropoli - Contrada Cupa

Sito di interesse storico

Agropoli - Muoio

Sito di interesse storico

Agropoli - Contrada Galiano

Sito di interesse archeologico

Agropoli - Contrada Galeota

Gli insediamenti del IV sec. a.C.

Castellabate -Frazione S.Marco, Porto Romano

Sito di interesse archeologico

Ogliastro Cilento - Eredita

Sito di interesse archeologico

 


 

Prodotti Tipici Della Zona